I MIEI LIBRI, I MIEI PENSIERI, IL MIO MONDO

ELAINE KINCAID

Elaine è una donna come molte di noi vorrebbero essere: single, vive da sola a Boxburn in una casa lasciatale dai genitori tornati in Inghilterra a vivere, ha un lavoro che adora,è padrona dei suoi spazi e dei suoi tempi, è libera, forte, e ha la fortuna di avere un’amica vera, unica e insostituibile.
Improvvisamente, quasi senza rendersene conto, si trova coinvolta in un amore travolgente, dai toni sublimi, che la renderà fragile e vulnerabile perchè si renderà conto, da subito, che non potrà far altro che soffrire. E fare scelte difficili che la cambieranno per sempre.
Volutamente non ho mai descritto fisicamente Elaine: le donne che leggeranno questo romanzo sono libere di vederla come meglio credono. Potranno vederci la loro migliore amica, la sorella, o anche se stesse. Ho insistito molto invece sulle sensazioni e sui pensieri di Elaine, in modo da farla ‘sentire’ vicina a chi legge e portare il lettore ad entrare appieno nella tragedia intrinsecamente legata a questo amore così difficile.
Elaine gioisce, soffre, si pone domande, si risponde, trova un equilibrio,lo riperde, sogna, desidera, ha paura, possiede e rinuncia.Ma, sempre, ama incondizionatamente.

(…) Elaine si asciugò in fretta le lacrime, prima che lui se ne accorgesse.(…)

(…) L’intensità di quel momento le fece venire, tanto per cambiare, le lacrime agli occhi e questa volta lui se ne accorse.
“Non piangere, tesoro, mi avevi promesso che non l’avresti fatto.” le sussurrò baciandola sulle labbra.
“Andrew, io ti amo.” gli disse, ma lui non rispose.
La baciò ancora più appassionatamente, buttando al vento i buoni propositi dei giorni precedenti.
Felicità e disperazione: ormai erano questi due opposti sentimenti che entrambi provavano quando si ritrovavano soli, a dover affrontare la loro passione.(…)

(…) Elaine quasi si accasciò sul pavimento.
“Elaine…”
“Basta, Andrew! Basta parlare, basta riflessioni, basta problemi di coscienza, basta stupidi sogni, basta, basta!”
“Tesoro, ti prego, non fare così, mi spaventi!” le disse lui accoccolandosi accanto a lei e prendendola tra le braccia.
“Non m’interessa più niente, non voglio che tu lasci niente per me, vai pure per la tua strada quando sarà il momento, ritorna pure alla tua casta e impeccabile vita. Voglio essere solo la tua… “amante”, chiamami come vuoi, voglio solo amarti e sì, portarti nel mio letto tutte le volte che ne avremo voglia, e senza pensare a niente. Voglio la dannazione eterna, qualsiasi pena, qualsiasi punizione, ma voglio te. E ti voglio senza dover pensare tutte le volte se faccio bene o male, non m’interessa, me ne frego!” (…)

Elaine soffre, ma ama incondizionatamente.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: